Cala il Sipario sulla Superlega 2007-2008

Parte la sigla, scorrono i titoli, si chiude il sipario, si sprecano i saluti: è finita anche quest’anno!
Stiamo parlando della Superlega, il campionato che racchiude l’elite della comunità di Scudettoweb, una superlega emozionante, ricca di colpi di scena, che ha lasciato tutti col fiato sospeso fino alla fine.
Fortuna alterna per i moderatori: se Marcomix, fresco di nomina, ha festeggiato la sua carica con una meritata promozione in serie B, Zanetti Capitano e Kaiserniky hanno vissuto una stagione anonima culminata con piazzamenti a dir poco disastrosi.
Il leghista Massituo ha voluto, invece, tenere fede alla sua fama che lo vuole ripulitore di ciò che è alieno alla cultura bossiana facendo fuori Superpadrepio al grido di “non passa lo straniero” e rimandandolo in patria su un gommone bucato.
Ma la Superlega non è solo moderatori, ma è composta anche da piacevoli sorprese: la prima è costituita da due nuovi trofei istituiti dalla fervida fantasia degli ideatori della competizione: la Champions League e la Coppa Uefa.
E’ evidente, perciò, che non tutte le squadre erano attrezzate per affrontare una stagione così lunga e stressante e lottare su tre fronti.
Per questa ragione LucafiQo ha scelto la Coppa Italia seguendo l’esempio della Roma spallettiana, ponendo minore attenzione sul campionato e sulla Champions dove, seppure giunto in finale, non è riuscito a controbattere al servizio potentissimo di Labirinto e alle sue discese a rete finendo per perdere 6-2 al quinto set.
La coppa Uefa ha visto invece protagonista una vecchia conoscenza della Superlega: Jdn, già vincitore della stagione di apertura, che ha deciso di seguire l’esempio del Milan che dopo anni di Champions ha preferito buttarsi sulla Uefa e si è aggiudicato un trofeo che mancava nel suo palmares.
Ed ora passiamo al vincitore della Superlega di Clausura, colui che ha dimostrato che la sua promozione in serie A non era stata un caso, colui che ha fatto ridere i suoi concittadini baresi dopo anni di sconfitte: stiamo parlando di Jackal, l’assoluto dominatore della stagione, l’uomo da battere del prossimo campionato, tanto bravo quanto sportivo e quest’ultima dote l’ha dimostrata nell’ultimo trofeo della stagione: la Supercoppa.
Un evento incredibile aveva infatti rischiato di minare lo svolgimento della competizione: un improvviso temporale? Un malore all’arbitro? Il pullmann aveva forato una ruota? C’erano stati incidenti tra i tifosi? Niente di tutto questo! LucafiQo, il suo avversario, aveva mandato in campo una squadra che non aveva uno schema ed i giocatori non sapendo come disporsi per protesta si erano distesi in campo completamente nudi a prendere il sole rischiando la sconfitta a tavolino.
Solo l’intervento di Super Jackal ha scongiurato tale deprecabile finale, convincendo LucafiQo ha scegliere il giusto modulo e convincendolo talmente bene da andare a perdere ai rigori.
E così amici miei anche questa stagione è finita, prepariamoci agli Europei, prepariamoci alla prova costume (a tal proposito quella di Globo è miseramente fallita), prepariamoci ad un’estate che dopo Calciopoli potrebbe essere nuovamente caldissima per i ricorsi in carta bollata del manager Odisseo deciso a trovare un ripescaggio in serie A e prepariamoci poi ad una nuova stagione di sport, di battaglie, di discussioni e di inevitabili polemiche: in fondo Scudettoweb e tutto quello che gli gira intorno è tutto questo!

Articolo a cura di Mike75

Precedente Blog a quota 9000 Successivo Un anno di Gazzetta di Superlega

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.