Ciao


Ricordo quei gradoni grigi, altissimi per me Bambino in mano a mio Padre…Lo stadio?
San Siro anni sessanta, la maglia quella nerazzurra. Poteva essere un’altra, che importanza ha una divisa?
La Vita è fatta di gradoni da scalare, di partite da giocare, vinta o persa una si gioca la prossima e la finale vorresti non ci fosse mai.
Poi arriva, inesorabile come la fine di un sogno.
In quel momento lì, sopravvivendole, diventa un dovere andare avanti a sognare, a vivere, a costruire ogni istante del dopo, di ogni domani.
Inter vs Bayern 2-0.
E mo’?
Che ci resta a noi interelli vecchiettini ?
La ragionevole consapevolezza dei saggi che 4 scudetti e mezzo in fila con tanto di tripletta a fine corsa non si potranno ripetere mai più oppure il sogno di vincere tutto a ripartir da domani, come se si potesse pensare da Bambini per sempre ?
Sarti, Burgnich, Facchetti…
Balotelli, Eto’o, Milito…
Capitan Picchi, Capitan Zanetti…
Rivivo 45 anni in qualche minuto. E’ uno strano dopo partita, di uno che ha amato financo Darko Pancev e il mitico Corrado Orrico…
Che gran malinconia….

Ciao Specialone, Good Luck!

Francesco Sardano,
in sostituzione di Candida Cannafò, free lenz
(Lei è a Madrid che festeggia e se la gode)

Ohi, se volete dare un’occhiata anche al Blog del Kaiser, la Novella 2000 di ScudettoWeb…
https://scudettowebblog.altervista.org

Articolo di SuperPadre Pio
A Cura del Gruppo Giornalstico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Speciale Calciomercato 2010 Successivo Speciale Mondiali 2010

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.