Dolce e amaro

Nella giornata in cui gli azzurri si riscattano dalla brutta prestazione fornita con il Messico, grazie ad un pareggio contro la Svizzera ma soprattutto grazie a segnali di ripresa, sono due le notizie a cui vogliamo dare risalto anche se ci giungono da altri sport, ma riguardano sempre i colori azzurri.
Il sogno di una milanese che per prima nel tennis femminile italico, raggiunge il trionfo in uno dei tornei di maggiore fama: il Rolland Garros.
Una prestazione di carattere,di grinta, di acume tattico, agilità e anche con qualche perla balistica per gli amanti del bel gioco.
Francesca Schiavone, la prima italiana a raggiungere questo ambitissimo traguardo. Un successo di prestigio che incrementa ulteriormente il suo palmares, e la fa entrare nella storia di questo sport e di questo torneo sulla terra rossa.
E per un sogno che si realizza, un incubo si avvera: Valentino Rossi, 31 anni da Tavullia, a gomme fredde, perde aderenza durante il secondo turno di prove libere.
La moto sembra in preda ad un attacco epilettico, un cavallo imbizzarrito che fa volare a terra il suo prode cavaliere.
E così colui che in oltre dieci anni di carriera, con ben 9 titoli mondiali sulle spalle, oltre 100 Gp vinti, e innumerevoli record ottenuti, si ritrova sbalzato al suolo con una tibia fratturata, un recupero che presumibilmente sarà lungo, ed un titolo mondiale gettato alle ortiche.
Gli avversari ringraziano, anche se ben consapevoli che lo show ha perso (per il momento) uno dei protagonisti principali.

Entrambi gli episodi con una protagonista in comune:
La terra. Mai così dolce, mai così amara
.


Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente ScudettoWeb X: La novità n.7 Successivo Competizione Musicale V: Iscrizioni e regolamento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.