Il bianconero ritorna ad avere colore

Pochi dubbi, pochi equivoci. Il dato di fatto è uno, questa volta inconfutabile: La Juventus è Campione d’Italia.
Lo diventa vincendo, a Trieste, contro il Cagliari per 2 a 0 e approfittando della débâcle d’altri tempi del Milan che perde 4 a 2 contro l’Inter. Una disfatta quella milanista che per quanto inattesa è una “Caporetto” che di fatto consegna ai bianconeri il tanto bramato titolo (30° o 28° a seconda di come si ragiona).
La squadra di Conte se lo aggiudica con una giornata d’anticipo dopo aver espresso per tutta la stagione un bel calcio, concreto, grintoso e a tratti spettacolare. Non sono mancanti i periodi difficili, come quando i bianconeri erano staccati di 7 punti dalla vetta o come quando la Juventus era “afflitta dalla pareggite”. Quello che invece sono mancate completamente sono le sconfitte. In 37 partite: ben 22 vittorie e 15 pareggi. 65 gol fatti e 19 subiti. Miglior difesa e miglior differenza reti.
Dal baratro della B al ritorno in serie A, senza dimenticare gli ultimi anni a bocca asciutta con prestazioni alquanto deludenti.
Ma ora il cielo si tinge di bianconero. A nostro parere, meritatamente.
Onore al Milan capace di rimanere sempre in lotta per il traguardo importante.
Forse i troppi infortuni l’hanno condizionato, ma è anche vero che il vantaggio che era stato accumulato ad un certo punto dai rossoneri, è andato via via sgretolandosi.
Complimenti quindi alla Juventus che torna al successo importante.
Un gusto particolare per tutti i tifosi che ora finalmente sembrano aver ritrovato lo smalto dei tempi che furono.

E ora, la 38^giornata ci dirà ufficialmente gli ultimi verdetti, sia in chiave europea che per i posti salvezza.
Finale di stagione al cardiopalma. Per alcuni è solo l’inizio di un bel sogno, per altri potrebbe essere un incubo.

 
Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Superlega Clausura 2011/12: La Finale Successivo Supercoppa Superlega Clausura 2011-2012

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.