Il segreto del successo

In testa c’è ancora l’Inter. Spiegarne il successo, però, è molto semplice: si spendono tanti soldi per avere una rosa di primo livello se ne spendono ancora altri, tanti e si prende uno degli allenatori più vincenti degli ultimi anni. Alcuni obietteranno che non sempre questa formula equivale a vincere e può anche essere vero, del resto l’eccezione fa parte del gioco.
Meno facile da spiegare, almeno in apparenza, è il segreto di chi segue l’Inter: Catania, Napoli ed Udinese. Se gli etnei rappresentano una meteora che difficilmente, non ce ne vogliano i tifosi siciliani, darà il via ad un ciclo, discorso diverso, bisogna fare con Udinese e Napoli. L’Udinese è una delle realtà più piacevoli del panorama italiano dove ha raggiunto i vertici, arrivando a giocare in Champions, con i bilanci sempre attivi grazie ad una politica di scoperta e valorizzazione di giovani talenti. Su la stessa via, sta camminando il Napoli che, forse, grazie agli investimenti di De Laurentis ha bruciato qualche tappa rispetto ai friulani. Eppure c’è un uomo che lega a doppio filo i destini di queste due società: Pierpaolo Marino.
Uomo di un calcio antico, fatto di lavoro e passione senza le luci dei riflettori e senza compromessi. Quel Marino che dopo aver contribuito al primo scudetto del Napoli dell’era Maradona, all’indomani dell’arrivo in società di un giovane ed arrembante Moggi, non esitò a dimettersi, dichiarando che esistevano divergenze sul metodo di lavoro. Quello stesso Marino che dopo aver girovagato per la nostra penisola è approdato ad Udine dove è rimasto per nove anni finché un nuovo progetto l’ha riportato là dove tutto era iniziato.
Certo Marino non è uomo da copertina, uno che fa audience, un padre-padrone del calcio; lui è un professionista serio e competente, un uomo onesto, che lavora con passione senza il bisogno di essere al centro dell’attenzione.
Forse in Italia, non solo nel calcio, questi uomini sono, sempre più, merce rara.


Articolo di Lallo
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Beppo intervista The Bosss Successivo Gazzetta di Superlega Apertura N.3 del 20/10/2008

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.