Nuove speranze e vecchie certezze

Nuove speranze e vecchie certezze.
Questo potrebbe essere il riassunto della giornata appena trascorsa.
Sorprendentemente in cima alla classifica troviamo il neo-promosso Cesena, dopo la caduta in casa dell’ ora ex-capolista Chievo.
Clamorosamente a sorpresa per i risultati ottenuti (insperati alla vigilia), ma meritatamente per il gioco espresso.
Ulteriori speranze arrivano dai bianconeri più blasonati della Juventus, che sembrano essersi svegliati, e con una buona prestazione rifila una goleada all’Udinese. La speranza che Krasic e tutti i neo-acquisti continuino a far bene, è quella che accomuna tutti i tifosi. Che vorrebbero in pianta stabile la Vecchia Signora ai piani alti della classifica.
A pari punti col Cesena ritroviamo l’Inter. Indubbiamente la squadra da battere, ancora esaltata per il triplete ma che a tratti fatica a fare risultato (anche se poi lo ottiene comunque).
Una certezza anche merito della sorpresa Eto’o. Certo si sapeva che il camerunense era ed è un grande campione, ma forse finora (nel nostro campionato) gli era mancata quella marcia in più che ora sembra aver ritrovato.
Una vittoria di carattere, non priva di polemiche arbitrali. Il Palermo perde ma a testa alta contro i nerazzurri. Chi è in crisi nera è la Roma, in crisi di risultato e di gioco, priva della concentrazione e della grinta necessarie per portare a casa i tre punti.
Questione di tempo? o questione di testa? A Ranieri l’ardua sentenza…di certo c’è solo che i giallorossi in classifica non sono dove sarebbero voluti essere.
Chi alterna buoni risultati a risultati deludenti è il Milan, più per colpa propria e per merito dell’avversario che per colpa degli arbitri comunisti. Certo, far convivere tanti campioni non è facile ed il campionato è ancora lungo, ma se riuscirà a trovare continuità il Milan potrebbe sempre essere un avversario scomodo per i cugini interisti.
Crisi nera per la Fiorentina, la qualità tecnica c’è e sicuramente è più di quella dell’anno scorso, ma troppi episodi hanno finora condizionato le partite dei viola che ora dovranno trovare una svolta nel loro campionato, per torna nuovamente a sognare.
Questo un po’ il quando della situazione dopo la terza giornata. Quadro che potrebbe cambiare radicalmente dopo il turno infrasettimanale, rimanendo sempre alla finestra per sapere eventuali news riguardanti lo sciopero dei calciatori previsto per la 5^giornata.
Il campionato è ancora lungo, siamo appena all’inizio e i valori sembrano più equilibrati delle stagioni passate. Sicuramente ne vedremo ancora delle belle, e non è detto che le certezze di adesso rimarranno tali, magari le sorprese diverranno certezze entro fine stagione.

In chiusura, vogliamo rivolgere i nostri complimenti a Vincenzo Nibali che è appena diventato il 5° italiano a vincere la Vuelta di Spagna (dopo il terzo posto al Giro d’Italia di quest’anno). Un ottimo esempio di regolarità, di costanza, dedizione e potenza da cui tutti gli sportivi dovrebbero prendere spunto


Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Se scioperano anche i ricchi Successivo Superlega 2010-2011 Apertura: I Manager e le Serie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.