Parole, parole, parole

Il calcio di oggi è strano, incomprensibile. I soldi in ballo sono talmente tanti che la pressione sugli addetti ai lavori è sempre enorme, tanto che oramai le parole in ogni intervista vengono soppesate al massimo e prima di uscire allo scoperto con dichiarazioni particolari sul mercato e su altri argomenti calcistici ed extracalcistici ci si pensa almeno dieci volte. Il risultato è che le interviste sono tutte uguali: si resta sempre generali, non si commentano mai i particolari e quando il giornalista comincia a parlare di mercato l’intervistato comincia già a pensare se rispondere “non mi interessa” oppure “non ci abbiamo ancora pensato” o ancora “non so niente, sono solo il presidente, chiedete al magazziniere!!”. Ma è mai possibile che parlare e aprirsi ai tifosi è diventato così difficile? Il calcio è uno sport e bisogna viverlo come tale. In quanto tifoso, dopo una vittoria della mia squadra, mi sono stancato di sentire il classico commento “abbiamo giocato bene” oppure “abbiamo lavorato molto in settimana e i frutti si vedono” (e già questo commento appare più complesso per le menti più raffinate nel panorama calcistico) oppure ancora “dobbiamo pensare partita per partita”. I tifosi sono e devono essere più esigenti. Hanno il diritto di conoscere le sensazioni della squadra, le sue emozioni, le sue difficoltà e non vogliono sentirsele dire dal primo Pellegatti che passa (con tutto rispetto) ma dagli stessi protagonisti che vivono in prima persona le competizioni e gioiscono e soffrono con la gente. E’ evidente che qualcosa è cambiato dal passato, e certo non lo abbiamo scoperto oggi. Certo che basta veramente poco per far felici milioni di persone e sembra che ciò non interessi a nessuno. E quindi non resta che accontentarsi delle solite interviste, dei soliti commenti e dei soliti resoconti dei bravissimi giornalisti sportivi che abbiamo in Italia con la speranza che in un futuro sempre più prossimo le cose cambino….


Articolo di The Bosss
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Primi verdetti Successivo In ricordo di un grande ometto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.