Recensioni: Country/folk

Ecco le recensioni per la categoria "Country/Folk":


BrainDamage85
Roberto Vecchioni – Samarcanda
(Folk)
Testo

Il Cervello Danneggiato della Competizione, rispolvera un pezzo d’epoca della musica popolare italiana, una ballata d’altri tempi che comunque è sempre gradevole da ascoltare. Samarcanda  dal 1977 a oggi è probabilmente uno dei pezzi storici di questo celebre interista che non è solo cantautore,ma pure insegnante.
Un Pezzo gradevole, che può piacere soprattutto agli ascoltatori più anzianotti.

Canemacchina
Fairport Convention – The Lark In The Morning, Rakish Paddy, Fox-Hunter’s Jig
(Electric Folk)

Una Ballata Country per il Pillone Marchigiano. Piacevole da ascoltare, e con un ritmo coinvolgente e danzerino. Nel video mancano solo i cowboys ed eventuali rodei, ma comunque l’atmosfera è chiaramente quella. L’unica nota stonata del brano, forse è l’eccessiva durata del pezzo (6minuti e 28 secondi, forse un po’ troppo per essere solo musicale). Buona comunque la scelta del pezzo che può racimolare qualche voto prezioso.

Dennis Bergkamp
Dropkick Murphys – I’m Shipping Up To Boston
(Celtic Punk)
Testo

Probabilmente la rivelazione della categoria, celebre pezzo dei Dropkick Murphys. Possiamo dire che Dennis sta percorrendo la strada della Redenzione verso la buona musica. Nonostante i suoi risaputi e discussi, gusti musicali questa volta ci sembra buona la scelta e pensiamo che potrebbe riscuotere più consensi di quanti ottenuti finora.

Joey
Modena City Ramblers – I Cento Pass
i (Folk)
Testo

Non sappiamo perchè ma ogni volta che Joey mette un brano, il brano crea sempre un’atmosfera quasi di paura, di angoscia. Con i Modena City Ramblers, questa volta fa una buona scelta, la musica è coinvolgente, ma quello che stupisce positivamente è il testo, che ricorda gli anni che furono dell’ Italia che è stata, del brutto clima Siciliano (ma non solo) degli anni di piombo, del terrorismo, della mafia…insomma,siamo nel 2007, ma non bisogna dimenticare.
Per tutto ciò, siamo convinti, il prezzo riscuoterà ampi consensi.

Knaz
John Denver – Take Me Home, Country Roads
(Country)
Testo

L’anima dark del forum, rispolvera direttamente dai dischi in vinile, un pezzo classicone della musica Country. Un pezzo piacevole da ascoltare, che suscita in chi l’ascolta, ricordi passati o più in particolare la sensazione che qualcuno a noi caro, parta per una meta sconosciuta e non sa se e quando ritornerà a casuccia.
Brano piacevole da ascoltare, con una vena sentimentale. Può far bene.

Lallo
Bob Dylan – Hurricane
(Folk)
Testo

Il buon vecchio Lalluzzo  dall’alto dei suoi  "ANTA", gioca sull’ esperienza e ci propone uno dei pezzi più trasmessi sulle frequenze di Radio Scud. Hurricane, di Bob Dylan è un pezzo storico. Con le sue note folk, suscita come in tutti i brani del suo autore, una sensazione di malinconia, questa volta più lieve ma comunque presente. Pezzo storico, di pregevole fattura che riscuoterà ampi consensi.

Mr.Barry
Simon & Garfunkel – The Sound Of Silence
(Folk)
Testo

Il "Galliani" del forum decide di schierare un brano strappalacrime, classicone di Simon & Garfunkel. Un brano chiaramente sentimentale, struggente, in grado di suscitare nell’ascoltatore intense emozioni. In più consigliamo ai neo-papà, vista la dolcezza del pezzo, di provare a cullare i loro pargoletti con questo brano, si badi bene: non è un pezzo noioso, ma dolce e i bebè potrebbero gradire come sicuramente gradiranno i votanti.

razorbladeromance
Fabrizio De Andrè – La Ballata Dell’Amore Cieco
(Folk)
Testo

Dal titolo, il pezzo proposto da razor, sembrerebbe chiaramente dedicato alla pratiche preferite dal signor Massituo. Tuttavia il pezzo, uno dei più famosi del cantautore Ligure, è un inno all’amore e a quello che può far fare il più nobile dei sentimenti.
Il ritmo, incalzante e piacevole in questo brano datato 1966.
Per la fama dell’autore, per la piacevolezza del brano, Razor può intascarsi parecchi voti.


Torre878
Francesco Guccini – La Genesi
(Folk)
Testo

Il direttore, rinomato logorroico e scassaballe, ci porta un brano di quasi 7 minuti.
Il pezzo, racconta la storia dell’Umanità fino alla creazione dell’uomo, con risvolti comici dal punto di vista del Creatore. Il pezzo è piacevolmente comico, tuttavia ci sembra che di melodico e musicale ci sia poco dal momento che prevale il parlato.
Forse era troppo impegnato a fare magheggi nella categoria Ska-Rock-Punk, per occuparsi di questa categoria.
Purtroppo per Torre, in questa occasione, non lo vediamo tra i favoriti alla vittoria della categoria.

Zanetti_Capitano
Casa Del Vento – Festa Protesta(Folk)
Testo

ll Capitano ci sfoggia per l’occasione un pezzo con allusioni politiche e rivoluzionarie, un pezzo che chiaramente gli si addice e rispecchia una parte del suo animo.
La melodia ci sembra un po’ troppo ripetitiva, a tratti noiosa. Ma in questo caso è il testo, che Zanetti ha voluto evidenziare. Scelta rischiosa che potrebbe riscuotere molti consensi, ma potrebbe andare incontro anche vasti a dinieghi…tutto dipende dall’orientamento degli ascoltatori e dai gusti.
Zanetti…il pericolo è il suo mestiere!

Condividi se ti piace!
Precedente Gazzetta di Superlega Apertura: N.5 del 5/11/2007 Successivo Champions Superleague: Terza giornata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.