Screzi di fine estate

Nelle ultime ore del calciomercato più sonnolento degli ultimi anni il colpo a sorpresa non è arrivato. Il Milan che puntava Ronaldo non è riuscita a portarsi a casa le prestazioni del centravanti brasiliano, apparentemente a causa di una richiesta troppo elevata da parte del Real Madrid.
Abbiamo scoperto invece che sotto al ritiro del club rossonero c’è stata l’azione di disturbo effettuata dall’Inter e soprattutto da Massimo Moratti in persona. L’idea di vedere il Fenomeno indossare la maglia dei cugini non deve aver fatto dormire sonni tranquilli al patron nerazzurro, ritornato a sborsare milioni su milioni dopo anni di attento mercato. Così ha deciso di infastidire i concorrenti inserendosi nella trattativa per poi, negli ultimissimi minuti, battere ritirata con un comunicato ufficiale.
La squadra nerazzurra e il suo proprietario sono da sempre stati elogiati per il modo in cui hanno saputo accettare e digerire le sconfitte. La Classe che li contraddistingueva la faceva diventare più simpatici rispetto ai vittoriosi, ma supponenti, avversari.
In questo caso l’azione di disturbo non può essere vista come un’azione elegante, anzi. Se si libera il campo dagli arroganti non si sente la necessità di avere qualcuno che ne prenda immediatamente il posto. Se queste sono le prime avvisaglie c’è poco da star tranquilli. Giova ricordare che oltre a saper perdere, bisogna anche saper vincere. Speriamo che Moratti non se lo dimentichi.

Articolo di Zanetti Capitano
A cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente I Dischi del mese: Settembre '06 Successivo Ricominciamo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.