Secondo raduno scudettiano: 18-19/06//2011 – 2^ parte

Dopo la prima puntata, continua oggi il resoconto del secondo raduno scudettiano, svoltosi il 18 e 19 giugno 2011 a Soliera (Mo).
Anche questa volta è Lallo a raccontarci quanto accaduto

UN TRANQUILLO WEEK-END "DA PAURA"
"da Roma Ladrona alla Padania e ritorno"

2° parte


Ore 16…. Avevamo lasciato i nostri eroi sotto i portici dell’Oca Bigia…..dunque il gruppo era al completo….il ghiaccio si stava sciogliendo rapidamente…..grazie anche alle elevate temperature….ma nulla rispetto a quello che i nostri ignari prodi avrebbero dovuto ancora affrontare da lì a poco…..

Ore 16,10…..seduti intorno ai tavolini si socializza….intorno solo campagna silenzio e mosche….aria pura, riposo, pace e tranquillità…..bella la vita di campagna…però immaginarsi le giornate che scorrono via così….alla lunga insomma… due balls…..

Ore 16,15….dopo qualche battuta di circostanza all’improvviso nell’aria risonò un nome che avrebbe potuto svegliare istinti sopiti post spareggi di superlega:”Di Michele”….lo sguardo del buon Tony Manero si ravvivò ed andò a cercare quello di Kavos, che da qui in poi passerà due giorni a subire tutte le represse emozioni degli avversari che hanno subito il suo famigerato Kul, purtroppo una volta creato il mito e difficile tornare indietro……si continua la socializzazione e si ripercorrono leghe e superleghe varie…..

0re 16,30….. Oh, ragassi… siam mica qui a spalmare l'Autan alle zanzare…..il branco decide di muoversi direzione tennis club soliera…..si parte verso l’ignoto…tutti che controllano imbracciano le loro borse o sacche o zaini o… buste della spesa…già il nostro Beppo a tutto il suo “nécessaire” per il calcetto contenuto in una comoda busta stile “auchan” …questo, senza dubbio sarà uno dei ricordi più divertenti e che costerà al nostro amico torinese prese in giro per molti secoli a venire…

16,35 ,.in effetti da queste parti le strade sono praticamente tutte uguali….in una piazzetta lì vicino avviene la prima sosta, figlia dell’incomprensione di Beppo che credeva si volesse andare al Bar…si rimonta in macchina e ci si affida al collaudato navigatore di tittore….ma anche la tecnologia si arrende di fronte a Via Serrasina….si perché da queste parti qualsiasi direzione, bivio o scorciatoia tu imbocchi ti ritroverai sempre sulla mitica Serrasina… altro che route 66….visto che la tecnologia ha fallito ci affidiamo ai vecchi metodi e cerchiamo un indigeno informato….. ci dicono di chiedere del Bocciofilo….il dubbio ci assale subito…visto il nostro “phisyque du role” hanno creduto fossimo più adatti alle bocce….e dire che non c’era nenache Superpadre ad alimentare sospetti….all’improvviso :”TERRAAA!!!” avvistiamo una struttura con campi da tennis ed un tendone sospetto sotto il quale potrebbe celarsi la nostra “arena”…..purtroppo è proprio così…il campo da calcetto è di quelli coperti…e questo sarà l’inizio della fine…..

16,40….mentre ci avviamo negli spogliatoi tittore si accorge di aver dimenticato la borsa da calcio al’Oca Bigia…..torna indietro….e ritorna dopo solo 5 minuti…in pratica…il campo distava poche centinaia di metri, forse un Km dalla nostra residenza…..

ore 17….gialli con calzoncini blu….rossi con calzoncini bianchi….siamo pronti ……e ci dirigiamo verso il campo….ma l’impressione è che qualcosa non vada bene….entriamo nel campo con il pallone ma ci servirebbero le racchette….la metà campo, infatti è attraversata da una regolamentare rete da tennis……informati che a breve il tuttofare del circolo verrà a smontarla cominciamo il riscaldamento….oddio vista la temperatura che c’è non è proprio la parola esatta….sotto il telone ci saranno almeno 40°…..saranno due ore molto, molto lunghe….

17,15…il campo è pronto….le squadre sono le seguenti Gialli:”Tittore(cap), Kavos, Massituo, Digital Boy, Beppo…..Rossi:”Carea(cap), Lallo, Tony Manero, Fonfluss, Jackal, Marcomix….la defezione dell’ultimo minuto di Zhaman ha lasciato i gialli senza cambi in panchina…spettatori “qualcuno che viene, qualcuno che va”….temperatura ideale…per cuocere del pollo con le patate…..poco prima del fischio d’inizio un brivido corre sulla schiena dei Gialli…il capitano, Carea, accusa una fitta alla caviglia…..non ci voleva….la mitica borsa “sixtus” comincia il suo lavoro che sarà alacre e senza soluzione di continuità…

17, 20 si comincia…..le squadre si studiano….schermaglie iniziali….da segnalare tra i più attivi….Massi da una parte Tony dall’altra…..lo spettacolo stenta a decollare…..

17,30….si delinea quello che sarà il leit motive della gara…SOPRAVVIVERE !

17,40…..concretizzando una leggera supremazia tecnica i rossi sbloccano il risultato grazie a Tony Manero il pericolo dei supplementari è, grazie a dio , scongiurato…alleluia

17,50…il gioco viene interrotto perché il leader “spirituale” dei gialli (esorta e stimola la sua squadra ad ogni occasione), al secolo Beppo, si rende conto che il non aver indossato i calzini non è stata quella che si definisce una felice idea…deve ricorrere alla magica “sixtus”, nel frattempo i giocatori si avvicinano alle panchine, tranne Massituo che giace in mezzo al campo faccia in sotto in evidente debito di …tutto….cara gli fù la sua intraprendenza iniziale…dopo esserci assicurati che respira ancora assaltiamo la Borraccia da 5litri di Sali minerali…..

18….il miracolato Beppo è ok…..la partita riprende….gli schemi sono saltati….insieme a loro le riserve di fiato…azioni pericolose si susseguono…ma gli attaccanti di turno non riescono ad inquadrare la porta così come i “cameram” di turno non riescono ad inquadrare la partita….

18,10…fine primo tempo 1-0 per i Rossi….mai interruzione fù più gradita e provvidenziale….la Madonna era apparsa già ad un paio di giocatori….ci sono poche parole per commentare la prima frazione di gioco….meglio conservare quel poco fiato …chi ancora lo possiede….la scena ricorda più un campo di battaglia ai tempi delle crociate…..

18,25….c’è chi ancora vorrebbe qualche minuto di riposo ma l’arbitro richiama le squadre in campo….e si riparte….il 2° tempo si rivelerà più spettacolare, le squadre, come le lingue, sono lunghe in campo, continui rovesciamenti di fronte si susseguono con innumerevoli occasioni da una parte e dall’altra che vengono incredibilmente sciupate…..l’equilibrio è di nuovo spezzato dai Rossi che raddoppiano grazie a Fonfluss….sembra il colpo di grazia per i gialli….

18,35…..ma invece la reazione d’orgoglio dei gialli porta loro ad accorciare le distanze grazie a Digital Boy che finalmente infila la rete avversaria che sembra stregata…..la partita si riaccende e le forze in campo si moltiplicano…..proporzionalmente la velocità dei giocatori scende sempre più….la lucidità è solo un lontano ricordo di gioventù dio conseguenza gli errori aumentano e proprio su un disimpegno difensivo azzardato dei Gialli, Lallo ruba palla ed insacca….3-1

18,45…ci si avvia verso il finale di partita…la borsa sixtus ha quasi finito tutti i suoi miracolosi e taumaturgici rimedi…..i Rossi sembrano controllare agevolmente la partita quando all’improvviso un’ incomprensione tra Lallo e Carea genera una carambola che permette al rapace Digital, di insaccare a porta vuota…el segna semper lu’

18,50…gli ultimi minuti di gara sono palpitanti…i nostri guerrieri sono allo stremo….chiedono ai loro corpi l’ultimo sforzo….nel senso che potrebbe essere davvero l’ultimo…tra crampi…muscoli che abbandonano…annebbiamento della vista….extrasistole…..le squadre “combattono” colpo su colpo….tutti uniti verso un unico obiettivo…andare sotto la doccia!!!

18,55 …ci siamo resta solo il recupero…..nessuno molla…la squadra Gialla si butta in avanti per un ultimo assalto, alla ricerca del pareggio, ma i Rossi riconquistano palla in difesa…Jackal serve Lallo che si invola verso la porta avversaria….Tittore tenta un disperato recupero difensivo in extremis ma viene sbilanciato da una finta…solo Massituo si frappone fra Lallo e la rete….Lallo finta il tiro, mette a sedere Massituo e serve a Tony Manero la palla del K.O……è finita——Rossi-Gialli 4-2

18,56….ADRIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAANAAAAAAAAAAAAAAAAAA…..forse l’immagine di Rocky a fine combattimento è l’unica che rende bene l’idea delle condizioni dei nostri eroi a fine gara…..a parte gli occhi tumefatti per il resto stiamo peggio noi……..

19……dopo le foto di rito con il trofeo…un paio di defibrillazioni volanti…..una bombola d’ossigeno…..ci si avvia lentamente…..molto lentamente verso gli spogliatoi…..qui scoppia la festa….una Magnum ghiacciata spunta fuori all’improvviso…il peggio è alle spalle….ora è tutta discesa……

serve una 3a parte per chiudere l'opera …mi è scappata la penna:asd:

Condividi se ti piace!
Precedente Largo ai giovani? Successivo Lo stadio reale

2 commenti su “Secondo raduno scudettiano: 18-19/06//2011 – 2^ parte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.