Sempre i soliti…o quasi

Diciamolo subito, a scanso di equivoci: non l’abbiamo voluto noi, non è colpa nostra!!!
L’avevamo detto l’ultima volta, che l’Inter nonostante la rimonta effettuata, avrebbe trovato degli ostacoli nel prosieguo del campionato, e che non le avrebbe potute vincere tutte…. ed infatti eccola steccare in trasferta contro un incredibile Lecce.
Scricchiolii erano già emersi durante la settimana con il turno di Coppa Italia, si pensava potesse essere un caso sporadico invece, dopo la sconfitta con il Napoli, arriva la doccia fredda salentina.
Ad onor del vero va detto che i nerazzurri non hanno giocato male, ma certi errori sottoporta non si possono commettere, come non ci possono essere certe ingenuità difensive, oltre all’evidente bisogno di un centrocampista di qualità da comprare magari in questi ultimi giorni di mercato.
Il Lecce dal canto suo ha trovato in Cosmi “un timoniere” di carattere capace di infondere coraggio ai suoi, e di cercare di raddrizzare la rotta portandola fuori dalle paludi della quasi certa serie B.
Ma nella domenica appena trascorsa, il vero eroe leccese è stato Benassi che nonostante l’avvio titubane ha poi indossato i panni di Spiderman, salvando di tutto e di più.
Una vittoria importante per i pugliesi, uno stop che prima o poi doveva arrivare per i nerazzurri.
Chi non molla, invece, sono quelli davanti… Juve e Milan.
Bianconeri autori di una importante vittoria nello scontro diretto con l’Udinese, sotto ad una neve che allo Juventus Stadium non ha influito più di tanto sulla giocabilità del terreno (a differenza di quanto avviene in altri stadi). Prestazione di sostanza, di carattere ed intensità.
Un dubbio però è lecito: l’imbattibilità juventina continua e da inizio stagione i ritmi sono elevati, qualora il ritmo di gioco e di corsa calasse…i risultati sarebbero gli stessi?
Chi non molla, dicevamo, è anche il Milan che con i suoi giocatori di talento, il suo ampio collettivo, l’organizzazione di gioco e certi uomini decisivi portano a casa tre punti preziosi. Se Ibrahimovic è spesso importante all’interno dei confini italici, difficile prevedere altrettanto ad inizio stagione per Nocerino, uomo di sostanza, di grinta, recuperatore di pallone e, da qualche mese a questa parte…anche goleador.
Insomma, tirando le conclusioni, per quanto equilibrato si stia dimostrando il campionato, salvo sporadici episodi e salvo qualche squadra outsider, daventi ci sono sempre gli stessi, come non avveniva da qualche anno a questa parte.
Forse sono finiti gli effetti di calciopoli, o forse, semplicemente, rientra nell’ordine naturale delle cose…

 
Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Superlega 2011-2012 Clausura: I Manager e le Serie Successivo Competizione 6.0: le date di febbraio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.