Un luglio intenso…

Di avvenimenti, dall'ultimo articolo ne sono successi…
Ci eravamo lasciati con l'incognita dell'assegnazione dello Scudetto 2006 e come avevamo ipotizzato tutto è poi rimasto come era prima.
Nonostante quanto emerso dal procuratore Palazzi, la Federazione ha preferito celarsi dietro la scusa dell'incompetenza in materia per non pronunciarsi, per lasciare tutto tale e quale e per non assumersi responsabilità. La Juventus ha però già annunciato che ricorrerà alla giustizia ordinaria, visto che la Federazione ha preferito lavarsene le mani, non chiudendo quindi la telenovela.
Ma non ci sono state solo polemiche, abbiamo assistito in questi giorni, anche alla vittoria del Tour de France da parte dell' Australiano Cadel Evans, una vittoria sudata, meritata e giunta sul filo di lana, dopo aver tenuto duro per giorni, per poi sferrare la zampata finale nella crono della penultima tappa. Una vittoria prestigiosa visti anche gli avversari ben più favoriti (Contador) che non hanno inciso più di tanto, rimanendo a secco di energie e di tattiche geniali.

Ma non è stato tutto rose e fiori in questi giorni.
Lo sport per quanto vitale ed espressione di vita possa essere, sembra una dolce-amara parentesi se rapportata ad eventi tragici come la duplice strage norvegese. Un folle prima fa esplodere una bomba in un edificio, poi spara ad un raduno di giovani, tentando di far "pulizia"…risultato troppe vite spezzate, troppe vite distrutte, troppe famiglie in lacrime, troppe domande sui motivi che possono aver portato un individuo di un paese ammirato e rispettato come la Norvegia, a compiere gesti del genere..
E ora un Paese intero cerca di uscire dallo shock vissuto e di guardare avanti per tornare più forte, solido, più moderno e liberale di prima.

Per fortuna ci sono molti rimedi per dimostrare la propria grinta e per guardare avanti..una dimostrazione ci viene dal nuoto, nei mondiali di Shanghai, dove atleti più o meno giovani, veterani e novizi danno sfoggio della loro classe vincendo titoli su titoli (ad esempio la nostra Pellegrini o Phelps) o danno segnali positivi all'insegna di una condizione ritrovata (Magnini).

Insomma, sono state settimane di luglio intense, con altrettanto intense emozioni, nonostante il clima tutt'altro che estivo, le emozioni calde non sono mancate…e se poi pensiamo che a giorni partirà la nuova stagione scudettiana… lì si che ci sarà da sudare…

Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Una relazione complicata Successivo A Settembre: Superlega 2011-2012

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.