Bufale? Forse c’è un modo per evitarle…

Buongiorno a tutti, cari amici.
Sono giornate frenetiche quelle che stiamo vivendo con possibili restrizioni, volte a ridurre la propagazione del Covid-19, che potrebbero essere annunciate nelle prossime ore/giorni.
Visto che del doman non v’è certezza e visto anche che in questo periodo abbiamo visto un fiorire di fake news, anche e soprattutto su Facebook e Twitter, ne approfittiamo per darvi qualche spunto di riflessione sugli ultimi canali social sui quali siamo approdati.
Come già annunciato a giugno, ScudettoWeb Blog, non solo è sbarcato anche su Telegram: https://t.me/SWBlogsocial, ma anche su Mastodon: https://mastodon.uno/@SWBlog
Ma se Telegram è uno strumento di messaggistica abbastanza noto e diffuso, forse altrettanto non si può dire per Mastodon.
Come già spiegato nel link di giugno soprariportato, e nella newsletter del 2 agosto, si tratta di un Social, che è propriamente un social. Alle spalle non ci sono aziende che vedono i dati che vengono scambiati, non ci sono aziende che lucrano su quei dati, tutto avviene all’interno di una rete federata (denominata Fediverso), che si avvale di codice open-source.
Le notizie, poi, compaiono in ordine cronologico e non ci sono interessi economici che ne influenzano la posizione sulla propria “bacheca”. Difficile, se non arduo, che giungano “fake news” poichè gli utenti sono molti attenti e soprattutto “uguali tra loro”.
Per render meglio il concetto e per farvi capire come questa tipologia di Social sia differente da quella ben nota, che tutti conosciamo, vi segnaliamo due video interessanti a riguardo.

Il primo che vi proponiamo è una rapida spiegazione della piattaforma:

Il secondo è un intervento avvenuto al Parlamento Europeo qualche mese fa che spiega molti dei lati positivi del Fediverso e di Mastodon:

Se volete iscrivervi ai nostri canali avete i link qui sopra, in ogni caso sarete benvenuti. Vi aspettiamo!

Il peso del(la) Corona e la chiamata alla responsabilità

Sono passati due mesetti dall’ultima volta che abbiamo scritto qui sul blog, ma in questi due mesi è successo di tutto.
L’ultimo mese, poi, sembra giunta l’apocalisse.
Covid-19, a dicembre sembrava potesse essere un problema limitato a qualche Paese asiatico e invece no.
Forse, la globalizzazione ed il costante distacco tra Oriente ed Occidente non hanno contribuito a far comprendere a molti la gravità della situazione in Cina che poi, ahinoi, ha avuto e sta avendo gravi implicazioni anche da noi.
Troppe cose sono state fatte probabilmente in ritardo (tralasciamo la querelle sulla sospensione delle partite di serie A perchè se ne parlassimo potrebbe sembrare una commedia).
D’altro canto ancora una volta stanno emergendo i pregi e difetti di noi italiani.
Regole, spesso “blande”. Norme, a volte, ambigue che non valgono per tutti. Mancanza di responsabilità e senso civico del singolo cittadino.
Problemi di comunicazione e fughe di notizie anzitempo per gli organi istituzionali. Arretratezza informatica sia nelle infrastrutture, sia nell’utilizzo degli strumenti informatici. Conseguente crisi economica e lavorativa globale.
Qualcosina di buono però è venuto fuori alla grande: l’altruismo di determinate categorie (medici, infermieri, volontari, settore sanitario in generale) ed il senso di appartenenza di tutti noi, indipendentemente dalla classe sociale, dal reddito, dal colore della pelle o dal luogo di nascita o professione.
Da nord a sud, da est a ovest, ogni regione, ogni città, ogni cittadino, per quanto confinato all’interno delle proprie abitazioni sta vivendo quel senso di privazione che normalmente percepisce chi nella vita ha compiuto qualche misfatto e si trova recluso.
Uscire, vedere gli amici, chiacchierare al bar, ma anche correre, fare sport all’aperto, portare i figli al parco o a scuola, andare al cinema o allo stadio, cose assolutamente normali per molti, ora che ci sono precluse dovrebbero farci comprendere quanto siamo stati fortunati.
Questa consapevolezza si spera non vada persa nel tempo e si spera che la memoria di noi italiani, per una volta, non sia a breve termine.
Dobbiamo attenerci alla regole stringenti che di giorno in giorno ci vengono imposte e questo per poter ritornare presto alla nostra vecchia routine, magari ci si augura più responsabili e consapevoli.
Purtroppo molte vite si sono spente, altre stanno lottando per resistere, cerchiamo di rispettare anche per rispetto nei loro confronti, quanto ci viene chiesto di fare da parte degli organi e delle autorità competenti.
C’è bisogno di tutti per sconfiggere questa strage di massa.
C’è bisogno di capire che ognuno di noi all’interno della collettività ha un proprio ruolo e una propria funzione.
C’è bisogno di comprendere che ognuno di noi può fare la propria parte semplicemente rispettando (per una volta) le regole.

Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Una ventata di freschezza per il nuovo anno

Carissimi Pilloni, ben ritrovati.

Con l’anno nuovo abbiamo provveduto a fare un aggiornamento massivo delle varie sezioni presenti. Si tratta di interventi massivi, per dare un po’ di nuova linfa alle singole sezioni.
Andando con ordine ecco a voi l’elenco delle novità:

1) Aggiornata la sezione rivolta a tutti i maschietti: novità infatti nell' "Angolo del mandrillo" con l'inserimento di nuove modelle

2) Per tutti coloro che stanno cercando nuove occupazioni o fonti di reddito: è stata aggiornata la sezione "Economia e lavoro"

3) Per tutti coloro che amano rilassarsi: sono disponibili nuove risorse ludiche nell'apposita sezione "Giochi"

4) Per tutti gli appassionati di calcio e di giovani talenti: nuove risorse disponibili nella sezione "Le prossime stelle"

5) E' stata inoltre aggiornata inoltre la sezione dedicata alla "Rassegna stampa". Sono state eliminate le fonti non più attive e ne sono state inserite di ulteriori (anche internazionali)

6) Aggiunte nuove fonti anche nella sezione "Web TV"

7) E per concludere: restyling della sezione SW Live(abbiamo cambiato il servizio su cui ci appoggiamo) e grazie a questa sezione potrete rimanere costantemente aggiornati, in tempo reale, sui risultati di tutti i campionati, da quelli più blasonati a quelli più sperduti!Per questa settimana è tutto.

Ovviamente le singole sezioni continueranno a essere monitorate ed aggiornate nel caso vi fosse nuovo materiale utile da segnalare.

Buona lettura e buon divertimento

Kaiser

Buon campionato a tutti!!!

Ci siamo: pronti, via!
Passata forse una delle estati più torride degli ultimi anni, ci apprestiamo a vedere iniziare il campionato 2019/2020.
In quello conclusosi non sono mancate le sorprese, gli astri nascenti e le clamorose delusioni, anche cocenti.
Abbiamo lasciato una Juventus padrona in Italia, che però, nonostante CR7, è uscita dalla Champions forse prematuramente. Abbiamo lasciato un Inter in pieno riassetto interno con il clamoroso caso “Icardi” e abbiamo lasciato una Fiorentina vittima più di se stessa che dei propri avversari.
Hanno lasciato il massimo campionato, per tornare in serie B, squadre che negli ultimi hanno fatto sognare i propri tifosi: Empoli, Frosinone ed il “sogno Chievo”.
Questa estate ne abbiamo viste di cotte e di crude: allenatori vincenti che tornano in Italia per allenare le squadre che una volta disprezzavano o comunque consideravano come “nemiche” (pensiamo a Conte e Sarri), cambi societari che dovrebbero far tornare la passione ai propri tifosi (vedasi Fiorentina), “gialli dell’estate” degni delle peggiori telenovele sudamericane (caso Inter-Juventus-Napoli per Icardi, ma anche il caso Juventus-Dybala), clamorosi ritorni (Balotelli al Brescia, Buffon alla Juventus), e clamorosi arrivi (Ribery alla Fiorentina e Lukaku all’Inter). Insomma, questa estate non ci si è affatto annoiati e il calciomercato in queste ore deve ancora finire, quindi potrebbero esserci ulteriori colpi di scena.
Le aspettative alla vigilia sono quelle di vedere un campionato più competitivo. Per quanto forte e ricca sia la rosa dei Campioni d’Italia in carica, Inter e Napoli sembrano essersi rafforzate e molto. Incognite saranno il Milan con un allenatore che valorizza molto il gioco, le romane sempre ostiche outsider e la Fiorentina che con una nuova dirigenza potrebbe far vedere belle cose.
Speriamo che le attese non vengano deluse e che il nostro bel calcio dica la sua anche in Europa, magari sulla scia di quanto di bello fatto vedere dalla nazionale femminile durante i mondiali di Francia.
Tutte unite per una maglia, per un obiettivo, per un sogno.
Così dovrebbe essere il calcio e lo sport. Cosi purtroppo da molti anni, non sembra essere la serie A.
Che sia l’anno giusto? Speriamo!
Buon campionato a tutti 🙂

Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Il riscatto rosso


Liverpool Campione d'Europa
(Foto: Repubblica.it)

Dall’inferno al paradiso.
Era il 26 maggio 2018 ed Liverpool veniva sconfitto in maniera tragicomica dal Real Madrid.
Dopo appena dodici mesi è giunto il riscatto per i Reds. Sesta Champions League.
Una partita non spettacolare che dopo appena 25 secondi sembrava già scritta. Fallo di mano in area di rigore e Salah dal dischetto non sbaglia. Questa volta nessun infortunio per l’egiziano che si dimostra, ad ulteriore conferma semmai ce ne fosse bisogno, la punta di diamante dell’attacco rosso.
Poi le squadre ci provano, pensano più alla concretezza che al bel gioco. Il Tottenham ci prova con il cuore dimostrando grande carattere, ma non basta ed anzi a pochi minuti dal termine arriva il raddoppio del Liverpool che gli consente di alzare per la sesta volta la Coppa dalle grandi orecchie.
Un successo meritato, per nulla scontato alla vigilia della manifestazione.
Molte sono state le vittime illustri di questo torneo pensiamo a Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco, Paris Saint Germain…una carneficina che alla fine ha premiato chi è stato più costante sia come qualità di gioco che come concretezza di risultati.
Spiace per la Juvenuts.
Con l’acquisto di Cristiano Ronaldo, il 2019 doveva essere l’anno fatidico per un assalto all’ambito trofeo europeo. E anche quest’anno sarà per l’anno prossimo.
Spiace per il Napoli che anche quest’anno ha lasciato la manifestazione europea anzitempo.
Certo è che nelle finali di Europa League e Champions League ad arrivare in fondo sono state le squadre inglesi con buona pace di quelli che hanno votato a favore della Brexit.
Purtroppo il nostro calcio sta vivendo anni non facili.
Dopo essere sprofondati con l’ormai mancata qualificazione ai mondiali di Russia 2018, forse qualcosina si sta muovendo e nuove leve stanno crescendo, pensiamo ai vari Zaniolo, Chiesa, Kean, Cutrone, Mandragora, Perin. Sono tanti i giovani sotto il mirino delle grandi squadre ed è forse da loro che bisogna ripartire per far risorgere il nostro calcio.
Un po’ come hanno fatto i Reds ieri sera, un po’ come hanno fatto i Reds nella loro storia.

Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb