Recensioni V: Terza Giornata

Ecco a voi fresche fresche, come appena sfornate le recensioni della Terza Giornata della Competizione Musicale V-Anni2000.
Quest'oggi i brani appartengono alla categoria "2002".


Antosalgio:
Daniele Silvestri – Il Mio Nemico
Terza giornata di musica che si apre con Antosalgio. Un brano abbastanza impegnato per niente frivolo. Musicalmente valido, un buon mix di dinamiche e melodie sudamericane con quell'incisività che lo fa gradire anche ai non patiti del genere. Per quanto non sia sconosciutissimo, risulta comunque una buona scelta. Potrà riscuotere consensi anche da parte della giuria, sempre se i votanti non si danno all' alcool prima di votare

BrainDamage85: Moby – We Are All Made Of Stars
Torna in pista il manager calabro-lugano. Sinceramente ci saremmo aspettati di meglio. Il brano di Moby, si piazza un po' nel limbo tra la musica onirica e quella da coma profondo. Vocalmente piuttosto piattina, musicalmente un po' meglio. Emozionalmente trasmette molta tranquillità, forse anche troppa. C'è da dire che è una seconda scelta (l'unica della giornata), ma sinceramente ci saremmo aspettati di meglio. Difficile dire cosa decideranno i votanti: se farsi conciliare dal sonno o svegliarsi di soprassalto bocciando questa proposta.

Canemacchina: Sigur Ròs – Untitled #3
Dopo la performance di brain, ci saremmo auspicati qualcosa di più aggressivo e movimentato, giusto per destare gli ascoltatori dal torpore accumulato precedentemente. Canemacchina ci riesce comunque in parte. Il brano non è per niente aggressivo, anzi estremamente dolce e malinconico, in ogni caso più "vivo ed intenso" del brano di brain. Brano completamente strumentale di una band islandese sconosciuta ai più. Può racimolare buoni voti,  anche se forse non lotterà per le posizioni di testa.

Carea: Interpol – PDA
La vecchia careatide tenta di tornare ad alti livelli. Sicuramente meglio delle ultime prestazioni, anche se non ancora ottimale. Il brano è sicuramento più "vivace" dei due appena ascoltati. Una buona base musicale, seppure non eccelsa. Dal punto di vista emozionale ci sembra un po' "piattino e freddino". Brano buono ma senza troppe pretese.

Joey: Bad Religion – Sorrow
Arriva il manager calabrese che come dall'inizio di questa competizione si cimenta nello scovare nuovi talenti, proprio seguendo uno dei fini di questa competizione. Brano vivace dinamico energico. Ci sembra un po' piatta la voce, che non esalta le potenzialità del brano. La band è conusciuta specialmente dagli amanti del genere. Il brano comunque è di buon livello e può ben figurare, ma forse non ambire alle posizioni di vertice.. Interessante sarà vedere cosa ne pensano i votanti.

Knaz00: Queens Of The Stone Age – No One Knows
Probabilmente dopato, questa volta Knaz riscuote buoni consensi da parte della critica. Il brano è noto soprattutto ai rockettari targati 2002. Il rif per quanto semplice è anche molto energico. Buone le variazioni di intensità sia melodiche che emozionali, che alternandosi contribuiscono a renderlo piacevole e carico. Il brano è conosciuto e quindi manca dell'effetto "innovazione", ma è una buona proposta che piace e convince. Speriamo che i votanti la pensino altrettanto

Lallo: Coldplay – In My Place
Il vetusto Lalluzzo continua sulla scia dei grandi successi. Il pezzo per quanto intenso, emozionale e piacevole è un Best dei Coldplay. Ma è altrettanto conosciuto e straconosciuto. Forse anche troppo. Certo fa sempre piacere sentirlo, ma qui l'originalità ci sembra del tutto assente. Difficile essere nei panni della giuria: votare il brano buono di per sè, o considerare anche che questa competizione vorrebbe e dovrebbe proporre soluzioni alternative ed innovative?

Marcomix: Audioslave – Like A Stone
Questa volta il modesto manager partenopeo ci ha un po' ci ha spiazzati. Pensavamo ci proponesse Nino D'angelo, Mariano Apicella oppure Gigi D'Alessio, ma per fortuna non è andata così. Celebre brano degli Audioslave. Pezzo carico, adrenalinico energico che piace e non poco. Conosciuto soprattutto dagli amanti del genere e del gruppo, pecca un pochino in originalità (seppure non ai livelli dei coldplay). Buona scelta da parte di Marcomix che ora potrebbe anche pensare in grande. Proposta che sicuramente sarà apprezzata anche dalla giuria.

Mike75: Oasis – Stop Cryin' Your Heart Out
Piacevole musica giunge anche da Mike che con gli Oasis spera di ambire a posizioni di vertice. Il brano è un mix tra musica romantica e musica solenne. Conosciuto, ma forse meno di altri brani delle stessa band inglese. Può far bene e potrebbe essere un valido outsider per le posizioni che contano.

Pezzotto: Doves – Caught By The River
Musica tra lo spaziale, il surreale, l'alternativo, il solenne e l'infinito questo quanto ci trasmette Pezzotto con Caught By The River dei Doves. Ritmicamente un po' piatta, riesce comunque a trasmettere buoni emozioni e pensieri rivolti ad infiniti spazi, distese sconfinate o intere galassie… Brano innovativo ed alternativo. Sconosciuto ai più. Forse pecca un po' in fase ritmica, ma resta comunque una valida proposta, forse non un capolavoro, ma in ogni caso buona scelta.

Razorbladeromance: Indochine – J'Ai Demandé à La Lune
Non si sa se questa volta il buon vecchio razor abbia scelto questo pezzo per compiacere ed adulare il direTorre, o se sia una scelta autonoma per mero gusto personale. Ma francamento questo brano trito e ritrito, trasmesso e ritrasmesso in radio ha perlomeno come si suol dire "rottto ampiamente i cabbasizzi".
Melodicamente soft, dolce e con vene romantiche è un buon brano. Ma l'originalità, l'innovazione e quel pizzico di talent scout che dovrebbe esserci in ogni partecipante, in questo caso ci sembra siano andati ampiamente a farsi benedire. Cosa ne penseranno i votanti è arduo dirlo, il voto di un giudice ci sembra comunque assicurato.

Torre878: The Music – Getaway
Con la voce da Zecchino d'Oro il direttore propone Getaway dei The Music.
Una proposta che ci sembra abbia come riferimento la voce cartonata più celebre della competizione: Knaz
Musica carica adrenalinica robusta, forse ci voleva una voce più mascolina e una timbro vocale più basso e profondo per valorizzarlo al meglio, ma vabbè quelle sono scelte artistiche. Emozionalmente intenso, vivace e ben ritmato. Non conosciutissimo, forse pochi votanti lo avevano già sentito. Piace senza eccellere.

Zande85: Red Hot Chili Peppers – By The Way
Un po' di energia ce la propina pure il dolomitico Zande85, che quando si tratta di musica e rock, si scioglie come neve al sole. Celeberrimo brano dei Red Hot Chili Peppers. Carico, ben ritmato con alternanze di intensità. Il brano è valido e può far bene, forse addirittura sognare in grande, ma anche qui l'innovazione ci sembra scarsina e potrebbe penalizzarlo. Come giudicheranno i votanti?

Zanetti_Capitano: Bandabardò – 1,2,3 Stella
Nuovamente musica italiana per il manager da giardino. Il titolo si basa su un gioco d'infanzia d'altri tempi di quando la playstation non esisteva ancora. Il testo per quanto semplice è più una poesia con riferimenti alla libertà di pensiero e di speranza. Melodicamente soft, non eccessivo.
Scelta comunque originale ed innovativa, ma questa volta Zan ci sembra un po' sottotono, per quanto abbia cercato di continuare la strada profonda ed intesa, intrapresa dall'inizio della competizione fino ad oggi. Forte il rischio che questo brano melodicamente non stupefacente, possa non essere compreso anche a livello testuale da parte dei votanti.

Zhaman: Tricarico – Occhi Blu
Musica all'insegna della speranza e della metempsicosi per il molisano invisibile. Proponendo Tricarico Zhaman tenta sentieri impervii raramente affrontati nelle competizioni musicali. Il brano melodicamente è semplice e solare, forse più vivace ma anche più infantile della proposta di Zan. A livello testuale il contenuto è profondo, con ampie sfacciettature e un'ottica tra presente e speranza tipica di Tricarico. Ben articolato con anche più chiavi di lettura. E' una scelta buona/discreta, innovativa e del tutto inattesa che però ci sembra un po' fuori luogo e forse troppo impegnativa per questa competizione.

Condividi se ti piace!
Precedente Gazzetta di Superlega Apertura: N.8 Del 15/11/2010 Successivo Il Pagliari nel Pallone (Terza puntata)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.