Bavarese in coppa


Bayern Monaco Campione d'Europa
(Foto: Eurosport.it)

Ennesimo successivo bavarense. No, non stiamo parlando dell’omonima crema, ma della finale di Champions andata in scena ieri sera.
I tedeschi si sono dimostrati una squadra solida, compatta, con collettivo e organizzazione quali elementi di forza.
Impotenti, o comunque deludenti sono sembrati i francesi. Mpabbè e Neymar, superpagati (a torto o a ragione) sono sembrati le ombre di loro stessi. Forse la pausa Covid ha inciso su di loro, ma a questi livelli, in queste partite i veri campioni, di solito, emergono.
Coman autore del gol tedesco, vecchia conoscenza del calcio italiano, era probabilmente uno dei giocatori tedeschi meno attesi, ma alla fine lui ha deciso la partita.
La vittoria tedesca assegna al Bayern uno storico triplete che giunge a 7 anni dall’ultima Champions, e dall’ultimo triplete.
In sette anni il Bayern ha fatto una rivoluzione interna, sia di giocatori che di modalità di gioco, senza comunque smettere di vincere (almeno a livello nazionale).
Questa edizione il Bayern la vince da imbattutto (è anche vero, che da i quarti in poi si sono disputate solo partite secche, senza ritorno), segnando 43 reti in 11 partite, una vera macchina da gol.
Ma non è stato Coman l’unico protagonista, ci son state le parate decisive di Neuer, la duttilità di Kimmich e il genio calcistico e la visione di gioco di Thomas Muller.
Successo meritato per quanto dimostrato sul campo, in questa finale, ma anche nelle partite precedenti.
Il PSG dovrà a questo punto capire cosa ha sbagliato: forse l’approcio alla gara, forse la poca carica dei giocatori più rappresentativi, o forse l’aver pensato che una squadra vincente la si crea necessariamente solo spendendo tanti soldi, senza dare una sensazione di gruppo, e senza legare in un’ orchestra tanti solisti o, tornando all’inizio di questo articolo, senza amalgamare ingredienti che da soli sono squisiti.
Onore al Bayern per questo successo.

Articolo di Kaiserniky
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Speciale Blog e siti amici: N.23 Successivo Il Covid durante la sosta per la nazionale: piccole considerazioni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.