Piangere miseria

Piangere miseria.
Mai come in questo periodo vediamo sempre di più allenatori piangere per disgraziati infortuni che li privano della loro rosa, causando danni per cui solo strane alchimie o sofisticati accorgimenti tattici, consentono l’insperata vittoria. E giustificano la strameritata sconfitta oserei dire. Ma cosa succede ai maghi di Eupalla. Per quale motivo piangono miseria. La vera dote direi che è l’autoincensamento. Significa che in realtà, più parli di difficoltà, di sfortune, di errori arbitrali o di funghi piovuti sul campo insieme a rospi smeraldini del Madagascar, più il prode apprendista stregone ha fatto il miracolo e solo grazie ai suoi prodigi e al proprio acume ha ottenuto il risultato (e il merito!!). Se invece il fato lo priva di un giocatore o un evento a lui sfavorevole si materializza sul campo, ecco che lui è salvo, perché solo un miracolo poteva evitarlo. L’allenatore bambino è impagabile in questo. L’Inter domina in campionato e nessun avversario sembra poter interrompere questa marcia? Ecco che lo “Jesino” (termine decisamente insipido ma molto abusato negli ultimi tempi) dichiara di dover forzare i giocatori in posizioni balzane per far fronte alle avversità, dimentico del fatto che ormai ne ha talmente tanti e bravi e duttili e strapagati e costosissimi da prendere, che l’odore di ciò che dice oltre che a confondergli le meningi causa problemi di appassimento vegetale anche nelle case di chi lo ascolta.
Ma questa moda contagia anche altri e il pericolo è sempre lo stesso, falsare la percezione di quello che accade per portare gli stolti (leggasi tifosi) a credere che esista una versione mitologica di quello che vedono e non accorgersi che in certe squadre l’allenatore conta come il due di picce e in altre è tutto. Ma tant’è essi continuano a mescere ignoranza e ignorano che il loro modo di fare e di gettare zizzanie anche innocenti porta a episodi di intolleranze gastriche e nausee esistenziali che nei poveri tifosi non avvezzi a cotanto scempio, lo sublimano e lo compiono convinti di essere nel giusto. E intanto il Serpente Longobardo spreme il Limone del Sol Levante. Poco però, solo uno spicchio ….

P.S. per approfondimenti ed articoli precedenti, e molto altro ancora sul mondo SW, potete consultare il Blog curato dal nostro amico Kaiserniky: https://scudettowebblog.altervista.org


Articolo di Sca-ttante
A Cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente Coppa Superlega: Risultati Quarti di Finale Successivo La Juve ruggisce ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.