Sogno siciliano

Durante un momento di quiete tra Roma e Inter, partita vivacissima e sempre incerta della terza di campionato, un commento di Caressa mi fa sobbalzare dal divano: il Palermo ha segnato il quinto gol al Catania. Prepotente come un temporale estivo la squadra di Guidolin balza sola al comando della classifica e lo fa nel modo più netto. Un traguardo, seppur momentaneo, veramente storico. E mi chiedo se non ci siamo forse dimenticati di qualcuno, in questo avvio di stagione. Coesione, gruppo, capacità realizzativa, voglia e fame di calcio, quello vero.
Guardo la classifica alla fine dei novanta minuti e proprio sotto ai rosanero ci trovo il Messina, uscito vittorioso dal derby dello Stretto. Nove e sette punti. Solo sotto di esse Inter, Roma, Milan, Fiorentina e via dicendo.
Avrà forse la durata, oltre che la prepotenza, di un temporale estivo questa situazione, ma nel frattempo è lecito se non doveroso complimentarsi con le due squadre siciliane che guidano il nuovo campionato. Quello uscito dallo scandalo estivo con le ossa ammaccate, ma con tanta voglia di ripartire.
E quale modo migliore per ripartire se non lasciandosi trasportare dal calore e dalla gioia del pubblico della Favorita ai gol dei propri pupilli. Verranno esami più duri, incontri più difficili, ma nel frattempo, è un piacere sapere che nonostante tutte le vicissitudini il calcio è ancora in grado di essere così imprevedibile, come un gol preso sotto le gambe o uno stop di petto sbagliato con la palla che rotola nella propria rete.

Articolo di Zanetti Capitano
A cura del Gruppo Giornalistico di ScudettoWeb

Condividi se ti piace!
Precedente All' insegna dell' equilibrio Successivo Cala il sipario

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.